Fieldset
Silence, tears, anger. Saying farewell to our colleague Arsène, who was shot and killed whilst helping to deliver life-saving medical care
 
 
Sergio blogs about Arsène Bassanganam, an MSF driver who was killed in a violent ambush on 18 May, while transporting patients and staff in the Central African Republic.  Arsène was an accomplished driver who did everything in his power to keep our staff and patients safe and secure. He leaves behind 12 children. MSF has condemned the ambush in the strongest possible terms, and has been forced to suspend operations in the area until the safety of our staff can be guaranteed.
 
"I have never met Arsène. I never saw his face, his smile, his tears.
 
If I was still working in Geneva, Arsene would be just another colleague for whom things went wrong. Not a complete stranger, but not a person in flesh and bones either. Instead, this afternoon, Arsène has the face of Charlie, Laurent, Freidhart, David, Achilles, Francis, Junior, Yvon, and Etienne. Arsène has the face of all the drivers with whom I have worked over the past four months. Arsène was there to take me home during a shooting near the prison in Bangui; he was with me on the way to Bakala when we were stopped at the ex-Seleka checkpoint; he was there to bring me home or at work every day. Arsène is all the drivers to whom I have to ask again and again their names because of my horrible memory.

 

The death of Arsène has brought three things to Bangui.
 
The first is the silence, a long silence that followed the announcement of our Head of Mission, Michelle Chouinard. We sat silently in the paillote, some with stunned eyes, some in shock and others in tears. 
 
Tears are the second experience we have received with the death of Arsène. Hot tears on the cheeks of my colleagues Alex, Chiara, and Denise. Or unshed tears, from people like Michelle, accompanied by a sob to disguise a voice cracking. Ink tears like the ones that I shed on this paper and take the form of words.
 
The third thing that the death of Arsène has brought to Bangui is anger, a revolt of the mind against the injustice and absurdity of this event. How is it possible for someone to be killed just for doing his job? How can one kill us while we help to deliver lifesaving medical care? A year after the truce, and one month after the end of the transition government, in the Central African Republic, it is still possible to die like this, due to insecurity that turns into theft, kidnapping, rape and bullets that leave orphans and widows. Today, Arsène met one of these bullets, as it has happened to many people in the Central African Republic and will unfortunately happen again to many others.

 

For those of us who remain here, those who need to convince themselves that our work is meaningful, we must find something worthwhile in a loss that affects us all as humanitarians, and as human beings. What I want to take with me, leaving behind the silence and the tears, is anger and outrage.
 
Every time I hear that the Central African Republic is emerging from the crisis, I will remember the death of Arsène - and the thousands of others who have been murdered and remained anonymous. We must not forget that while peace is far away and Arsène lost his life, there are men and women who do all that they can to assist those who are still living their lives and, if possible, escaping death.

 

Farewell Arsène, may the wind always carry you where you want to go."
 
 
 
Below you can read Sergio's blog in the original Italian. / Ecco il blog di Sergio nella versione originale italiana.
 
Lo non ho mai conosciuto Arsène di persona. Non ho mai visto il suo viso, il suo sorriso o le sue lacrime. Se stessi ancora lavorando a Ginevra, Arsène sarebbe solo un altro collega a cui è andata male. Certo, non uno sconosciuto, ma neanche una persona in carne e ossa. Invece, questo pomeriggio per me Arsène ha la faccia di Charlie, Laurent, Freidhart, Achille, Francis, David, Junior, Yvan e Etienne. Arsène ha la faccia degli chauffeurs con cui mi è capitato di lavorare negli ultimi quattro mesi. Arsène era lì per riportarmi a casa quando sparavano vicino alla prigione; era lì sulla strada per Bakala quando abbiamo incontrato il check point degli ex-Seleka; era lì per fare il tragitto verso casa o il lavoro ogni giorno. Arsène è tutti gli chauffeurs a cui devo chiedere il nome a causa della mia orribile memoria. 
 
La morte di Arsène ha portato tre cose a Bangui. Il silenzio, un lungo silenzio che ha seguito l’annuncio di Michelle. Noi in silenzio, nella paillotte, alcuni con lo sguardo stralunato, altri esterrefatti, altri increduli e altri ancora in lacrime. Le lacrime sono il secondo dono che abbiamo ricevuto con la morte di Arsène. Lacrime calde sulle guance di Alex, Chiara e Denise. Lacrime trattenute, come quelle di Michelle, accompagnate da un singulto per mascherare la voce spezzata. Lacrime d’inchiostro come quelle che si riversano su questo foglio e prendono la forma di parole. La terza cosa che la morte di Arsène ha portato a Bangui è l’arrabbiatura, uno scatto contro l’ingiustizia e l’insensatezza di questo evento. Com’è possibile rimanere ammazzati mentre si fa il proprio lavoro? Com’è possibile che ti ammazzino proprio mentre fai questo lavoro? A un anno dalla tregua e un mese dalla fine della transizione, in Repubblica Centrafricana si può ancora morire così, per la mancanza di sicurezza che si trasforma in furti, rapimenti, donne violentate e pallottole che generano orfani e vedove. Oggi, Arsène ha incontrato una di queste pallottole, come già è successo a tanti Centrafricani e succederà ancora a molti altri. 
 
Noi che siamo ancora qua, che dobbiamo riuscire a convincerci che quello che facciamo ha un senso, abbiamo il dovere di tirare fuori qualcosa da una perdita che ci tocca tutti come umanitari ed esseri umani. Quello che io voglio tenermi, lasciando andare il silenzio e le lacrime, sono l’arrabbiatura e lo sdegno. Ogni volta che sento dire che la Repubblica Centrafricana sta uscendo dalla crisi, voglio ricordarmi della morte di Arsène – e degli altri mille assassinii che non hanno un nome. Spero che questo ricordo mi spinga a non scordare che la pace è lontana e che Arsène ha perso la vita cercando di aiutare, nel bene e nel male, uomini e le donne che ogni giorno vivono la loro vita e, se possibile, sfuggono alla morte.   
 
Buon viaggio Arsène, che il vento soffi sempre nella direzione che tu desideri.